ROGLIANO-  RISCHIO FRANE IN PROSSIMITA’ DI BALZATA 

Pubblichiamo la Dichiarazione del Sindaco Giovanni Altomare


Affiorano movimenti di dissesto idrogeologico superficiale lungo la strada provinciale 242, l’unica rapida arteria di collegamento Bocca di Piazza (Sila) – Parenti – Rogliano – svincolo autostradale di Piano Lago. 


Il fenomeno gravitativo è stato rilevato dalle competenze tecniche della Provincia e del Comune di Rogliano nei pressi della località intermedia di Balzata, già piagata da frane e smottamenti e interessata a parziali e provvisori interventi, che in condizioni di rischiosa precarietà, consentono su una sola corsia il transito alternato delle autovetture. 


Il sindaco di Rogliano, Giovanni Altomare, che si è recato sul posto per un sopralluogo, lancia un grido d’allarme per segnalare la “urgente necessità di adeguati interventi, specie in considerazione dell’imminente periodo invernale”. “L’evoluzione del fenomeno franoso, in assenza di opere di contenimento e di consolidamento dei versanti in movimento – avverte il sindaco – comporterebbe ulteriori gravissimi danni, con la inevitabile conseguenza della chiusura della strada e con il susseguente isolamenti di Parenti e di numerose frazioni rurali, ricadenti nei territori dei due comuni limitrofi”. 


Altomare, che già in passato ha più volte segnalato il problema unitamente al suo collega di Parenti, Donatella Deposito, fa sapere che la Provincia è, in una prima fase, intervenuta immediatamente per la messa in sicurezza del tratto di strada, attraverso la delimitazione dell’unica corsia rimasta integra, e questo per permettere la circolazione veicolare a senso unico alternato. In questi giorni, sono in corso indagini geognostiche per definire, più puntualmente, il quadro tecnico degli interventi. 


Con le sue sole risorse la Provincia non ha la possibilità di giungere ad una soluzione definitiva del problema. Pertanto, ha già chiesto alla Regione Calabria  un finanziamento di 200 mila euro per la realizzazione delle opere più immediate, un’istanza questa da considerare in aggiunta alle richieste già presentate per un definitivo intervento strutturale nella zona.